Guida alla scelta del termostato
I vari modelli in commercio

News Maxiflame 14 mag 2019

Per avere una casa sempre calda e accogliente non è sufficiente avere un buon impianto di riscaldamento e una buona caldaia: serve necessariamente un termostato, che non solo permette di stabilire la giusta temperatura per la nostra abitazione e fa in modo di mantenerla costante, quindi ci garantisce comfort e serenità; ma è anche un efficace strumento che ci aiuta a risparmiare energia.
Ne esistono diversi tipi. Vediamo le loro caratteristiche così da poter capire qual è quello che fa al caso nostro.

Termostato analogico


È sicuramente il più diffuso nelle nostre abitazioni nonché il più economico in commercio. È quello con la rotella che permette di regolare la temperatura desiderata per gli ambienti della nostra casa. È sicuramente il più facile da installare e utilizzare ed è anche il meno costoso. Presenta però un limite: non è accuratissimo nella regolazione del calore.

Termostato digitale


Questa tipologia di termostato è quella che sta pian piano soppiantando il modello precedentemente descritto, poiché consente una programmazione delle temperature molto più accurata, con un margine di errore veramente minimo. Questo grazie anche all’impiego di sonde che interagiscono con il termostato stesso. Altro vantaggio è rappresentato dal fatto che questi termostati digitali presentano un display in cui si può visualizzare la temperatura attuale dell’ambiente e quella a cui vorremmo arrivare. La sua efficienza permette di avere buoni risparmi sui consumi energetici. Presenta però uno svantaggio: non può essere programmato.

Cronotermostato digitale


Questo termostato è ancora più accurato e preciso del precedente ed ha anche il grande vantaggio di poter essere programmato. Si possono impostare gli orari di accensione e di spegnimento quotidiani del riscaldamento. Ne esistono anche modelli con programmazione settimanale. Il risparmio energetico che permette un cronotermostato digitale è molto alto, intorno al 20% di consumi in meno rispetto a quelli che si avrebbero utilizzando un termostato tradizionale. Un punto a suo sfavore potrebbe essere rappresentato dal fatto che può risultare un pochino più difficile il suo utilizzo. Lo svantaggio principale, forse, è il suo costo, decisamente più elevato rispetto a quello dei precedenti.

Termostati wireless


I modelli esaminati finora necessitano tutti di un collegamento elettrico per poter funzionare. I termostati wireless invece no, sfruttano le radiofrequenze. Sono molto utili quando c’è una notevole distanza fra la caldaia e il punto in cui dovrebbe andare il termostato e non c’è la possibilità di fare lavori per effettuare i collegamanti. Sono molto affidabili e precisi. Nella versione cronotermostato dotato di timer offre anche la possibilità di essere programmato. Come per il precedente, l’unico neo è rappresentato dal costo abbastanza elevato.

Cronotermostato intelligente WIFI


Questo rappresenta l’ultima generazione di termostati per ambienti. Nel suo funzionamento è un normale cronotermostato. La sua particolarità è che si può interagire con esso attraverso il proprio smartphone o tablet, in presenza di un segnale wi-fi sufficientemente stabile. Questo risulta assai utile quando si è fuori casa: ci permette di regolare il funzionamento del riscaldamento in qualsiasi momento e dovunque ci troviamo. Consigliato ovviamente per chi ha dimestichezza con tablet, smartphone e app. Purtroppo i costi sono un po’ più alti, ma diciamo che vengono bilanciati dalla comodità che offre e dal risparmio energetico che permette potendo controllare in ogni istante il riscaldamento.

Termostati modulanti


Questi termostati possono essere installati solo in presenza di caldaie anche loro modulanti. Vanno oltre il concetto di programmazione di accensioni e spegnimenti della caldaia: questi infatti regolano la potenza della caldaia in funzione dalla temperatura ambientale rilevata dalle sonde climatiche installate nei vari ambienti della casa. Servendosi di questi termostati intelligenti è possibile raggiungere il massimo risparmio energetico. Difetto? Il costo, già non bassissimo di per sé, ma che aumenta poiché richiede per forza l’installazione di sonde climatiche con cui interagire.

Adesso che abbiamo tutte le informazioni riguardo ai termostati, dobbiamo scegliere quello che più si confà alle nostre necessità e che più si avvicina al nostro budget di spesa.

Richiedi informazioni
Ti interessa acquistare questo articolo ma vuoi delle informazioni più dettagliate? Contattaci adesso senza impegno sapremo fornirti le risposte che cerchi.
     
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@maxiflame.it